Infortunio del conducente

Infortunio del conducente: cosa copre e a cosa serve?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on print
Share on email
Share on whatsapp

In un incidente stradale è importante tutelare le persone a bordo del veicolo. Ecco perché la polizza rc auto prevede massimali di risarcimento sempre maggiori per l’indennizzo di qualsiasi infortunio, invalidità o morte delle persone trasportate, o per danni provocati a cose. Pochi però sono a conoscenza che l’unico escluso da tale tutela è proprio il conducente del veicolo che in caso di sinistro con colpa (cioè di cui è responsabile) non gode di nessuna copertura o rimborso.

Polizza per infortuni del conducente: cosa copre?

Fortunatamente negli ultimi tempi si registra un netto incremento della scelta della garanzia “Infortuni del Conducente”, richiesta al momento della stipula della polizza auto, anche grazie ad una maggiore informazione fornita dalle Compagnie Assicurative e garantisce un rimborso nel caso di infortuni che abbiano causato morte, spese sanitarie o invalidità.

In caso di incidente, attivando l’assicurazione del conducente, è coperto non solo il conducente abituale dell’auto, ma anche chiunque sia alla guida del mezzo. Infatti, la copertura in caso di infortunio del conducente può essere nominale e quindi legata all’intestatario dell’assicurazione oppure essere estensibile a tutti coloro che utilizzano quel dato veicolo. La polizza infortunio del conducente legata alla targa copre in caso di sinistro colui che in quel momento guida il veicolo, chiunque esso sia (moglie, figlio, parente o amico).

Infortunio del conducente
La garanzia Infortuni del Conducente serve per tutelare il guidatore nei casi non coperti dalla polizza rc auto

Polizza per infortunio del conducente: il calcolo del preventivo

Aggiungere l’estensione per infortunio del conducente alla propria polizza assicurativa ha un costo variabile, che di solito si aggira tra i 50 e 100 euro. Questo tipo di garanzia accessoria può essere offerto a prezzo scontato per chi è rimasto legato per molti anni alla stessa agenzia.

Al di là del prezzo finale del premio assicurativo, è importante avere questa copertura vantaggiosa e adatta ai guidatori di ogni età. Per capire se si tratti di un investimento per cui valga la pena ti basta richiedere un preventivo compilando il modulo dei contatti.

Polizza per infortunio del conducente: come fare la denuncia di sinistro

Affinché la compagnia assicurativa possa procedere al rimborso delle spese sostenute per le cure mediche o risarcire l’infortunato per i danni riportati, è necessario informare la propria compagnia con l’apposito modulo di denunzia, da inviare tramite mail, fax o anche direttamente utilizzando l’app (opzione che molte compagnie di assicurazione stanno abilitando) o recarsi direttamente in agenzia. In particolare, all’assicurato infortunato è richiesto di consegnare:

  • copia del documento di identità e del codice fiscale
  • referto rilasciato dall’ospedale che attesti l’infortunio
  • ricevute e scontrini relativi alle spese mediche sostenute e alle eventuali medicine acquistate

In molti casi, le compagnie assicurative chiedono all’assicurato di recarsi presso uno studio medico convenzionato, così da poter procedere ad un controllo da parte di un esperto. Si tratta di una semplice prassi che tutela le compagnie assicurative dalle richieste di risarcimento false o dai tentativi di frode.

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Complita il modulo di contatto con i tuoi dati e un messaggio. Ti risponderò appena possibile.

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Scegli il modo migliore per iniziare una conversazione

Chiama ora