assicurazione-sanitaria

Il miglior investimento? È sulla vostra salute!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
La spesa degli italiani per curarsi di tasca propria cresce anno dopo anno e nel 2017 ha toccato i 40 miliardi, quasi 700 euro a testa.  Ecco cosa offrono le compagnie di assicurazione, dalla diagnostica alle visite specialistiche, se quella stessa somma viene usata per comprare una polizza. Tutti i consigli per scegliere il prodotto giusto.

Sette milioni di italiani che si indebitano per pagare cure e servizi sanitari e 2,8 milioni che per farlo vendono casa, mentre 44 milioni nel complesso hanno speso di tasca propria, per pagare prestazioni sanitarie per intero o con il ticket.

Un esborso medio pro capite di 655 euro, che rischia di arrivare a mille euro nel 2025, se non si interverrà al più presto. E’ un Paese dove la spesa sanitaria “out of pocket” è fuori controllo – e dove infatti il 54,7% degli italiani pensa che i cittadini non abbiano più le stesse opportunità di cura

Nel 2018 l’importo è arrivato a 40 miliardi. È quanto gli italiani hanno speso di tasca propria per usufruire di prestazioni sanitarie, visite specialistiche o cure mediche; quasi 700 euro a testa e la somma continua a crescere anno dopo anno, visto che nel 2009 i miliardi erano stati 31.

Tale dato, come ha sottolineato Maria Bianca Farina (presidente di Ania) nell’ultima relazione annuale dell’associazione, si scontra con la scarsa diffusione in Italia delle polizze sanitarie rispetto ad altri Paesi europei nonostante si tratti di prodotti che potrebbero essere utili a ridurre la spesa, specie nel caso in cui ci sia bisogno di interventi importanti.

La difficoltà a orientarsi tra clausole e contratti complicati ha avuto spesso un ruolo di deterrente all’acquisto di polizze sanitarie da parte dei privati. Ma quali coperture si potrebbero acquistare sul mercato delle assicurazioni con la cifra che già oggi gli italiani spendono di tasca propria per curarsi?

Quanto costa una polizza salute?

Con una spesa compresa tra 463 e 950 euro una famiglia di quattro persone (papà di 45 anni, moglie di 35 e due figli di 15 e 9 anni) potrebbe assicurarsi una copertura ospedaliera che va dai grandi interventi ai ricoveri, con massimali di copertura pari in media a 100 mila euro ma che in alcuni casi arrivano a 5 milioni. Se si aggiunge anche la diagnostica (ossia gli esami necessari ad accertare lo stato di salute), la spesa sale intorno ai 2 mila euro, esattamente quanto spende oggi in media ogni anno una famiglia italiana per curarsi (2.114 euro). Insomma, tenendo invariata la spesa attuale gli italiani potrebbero proteggersi da una buona parte dei rischi legati alla propria salute, specie da quelli potenzialmente più costosi.

La polizza può farsi carico delle spese sanitarie sostenute dall’assicurato sia presso strutture pubbliche, rimborsando i ticket, sia presso strutture private o nel regime di intramoenia dell’ospedale pubblico. Sottoscrivere una polizza privata quindi non vuol dire necessariamente rinunciare al servizio pubblico, ma consente di rivolgersi al servizio privato nel caso in cui si voglia scegliere uno specialista di fiducia o si abbia bisogno di accelerare i tempi della cura.

Le polizze sanitarie grantiscono poi un’indennità anche quando si viene ricoverati a carico del servizio sanitario nazionale, per compensare il paziente dei disagi della malattia. Del resto anche l’assistenza sanitaria presso strutture pubbliche ha un costo che, tranne che per alcune prestazioni, si sta sempre più avvicinando a quello delle strutture private, ancora di più dopo la definizione dei nuovo livelli essenziali di assistenza (Lea), aggiornati di recente dopo 15 anni di stallo. Se a queste polizze che coprono bisogni di cura primari si volessero aggiungere anche le altre coperture, dagli accertamenti alle visite private arrivando fino alla fisioterapia e alle cure dentarie (che non tutte le assicurazioni prevedono), la somma complessiva per una famiglia sale fino a 3 mila euro annui.

Come scegliere una polizza salute?

I prodotti possono però essere molto diversi tra loro e districarsi tra le tante polizze sanitarie offerte sul mercato è ancora piuttosto complicato. Ecco allora qualche consiglio per orientarsi. Al momento della scelta della polizza una caratteristica da considerare con attenzione è se sia previsto un controllo medico prima della sottoscrizione del contratto, il cosiddetto Questionario Anamnestico, importante per avere il quadro clinico della persona da assicurare.

Un altro aspetto da guardare con attenzione è la copertura o meno delle malattie pregresse avute dal cliente: la maggior parte delle compagnie le esclude sempre, specie se non dichiarate nel questionario anamnestico, mentre altre le include dopo il primo quinquennio di copertura.

Nel caso in cui si scelga una polizza che preveda accertamenti diagnostica bisogna poi guardare con attenzione ai massimali, che possono variare molto da offerta a offerta.

Un capitolo a parte meritano le cure odontoiatriche: mediamente le compagnie tendono a escluderle o a limitarle ai casi di infortunio o gravi patologie. In pochi consentono poi il rimborso delle cure per la fisioterapia; in ogni caso, se previste, vengono comunque condizionate a un infortunio con massimali di rimborso che possono essere condivisi con la diagnostica e sono spesso previste spese che restano comunque a carico del cliente, come avviene anche per le visite specialistiche.

Anche nel caso dell’inclusione di visite specialistiche, di accertamenti o di analisi di laboratorio la situazione è molto variegata tra le diverse compagnie, con una quota minima che resta appunto a carico dell’assicurato, la quale mediamente risulta però inferiore al ticket (tra 30 euro e 60 euro). Non solo; le assicurazioni prevedono percentuali massime di rimborso rispetto alla spesa, che possono arrivare al 100% in caso di pagamento diretto nelle strutture convenzionate e scendere al 70% se si opta per la richiesta di rimborso in strutture non convenzionate con l’impresa.

Nella scelta della polizza è quindi fondamentale valutare il numero e la qualità delle strutture sanitarie convenzionate con la compagnia, oltre che gli orari e i giorni in cui opera la centrale operativa che viene associata all’utilizzo del servizio.

Conclusioni.

In Italia, contrariamente a quanto si crede, non tutto è coperto dal sistema sanitario pubblico. A parità di costo, si potrebbe optare per una copertura assicurativa specifico che copre le spese per gli interventi chirurgici e le visite specialistiche.

Hai già scelto la tua polizza sanitaria? Se vuoi ricevere maggiori informazioni scegli la modalità di contatto che più ti piace tra quelle proposte di seguito.

Fonte: MilanoFinanza.it

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Complita il modulo di contatto con i tuoi dati e un messaggio. Ti risponderò appena possibile.

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Scegli il modo migliore per iniziare una conversazione

Chiama ora