non lasciare soldi sul conto corrente

I 5 motivi per non lasciare i soldi sul conto corrente

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Cosa fare della liquidità? Diverse indagini dicono che gli italiani, del dubbio, lasciano i soldi sul conto corrente. Niente di più sbagliato. Scopri quali sono i motivi per non lasciare i tuoi soldi fermi sul conto corrente (fonte: laleggepertutti.it e tgcom24.it)

Tenere i soldi sul conto corrente non solo non è remunerativo ma diventa anche una spesa.

Lasci troppi soldi sul conto corrente? A prescindere dall’importo della tua liquidità, i soldi sul conto non sono mai così sicuri come si può credere. Non è solo l’inflazione a rosicare i risparmi. Non è neanche un cattivo investimento suggerito dal consulente finanziario.

Nemici ben più pericolosi si sono aggiunti nel tempo, come l’applicazione delle regole del bail-in in caso di fallimento della banca o il pignoramento dell’Agenzia delle Entrate.

Questo non vuol dire che il tradizionale materasso sia un posto più sicuro dove nascondere la busta paga o magari la liquidazione, ma in alcuni casi è preferibile “diversificare”: in altre parole, frammentare il deposito in più rapporti bancari potrebbe far vivere il contribuente con maggiore serenità.

Ma procediamo con ordine e vediamo quali sono i rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente.

Fallimento della banca

Un tempo, quando una banca entrava in crisi, lo Stato interveniva per tutelare i correntisti tramite un fondo pubblico costituito con i soldi dei contribuenti.

Oggi questa garanzia non esiste più: è l’istituto di credito a dover ripianare i debiti attingendo dalle proprie risorse. A farne le spese sono innanzitutto gli azionisti, gli investitori, gli obbligazionisti e, solo in ultimo, i risparmiatori.

In particolare, in presenza di una situazione di indebitamento bancario, la legge prevede un ordine gerarchico “di rischio”, dove i primi della lista sono coloro che perderanno subito i soldi: gli azionisti, i detentori di altri titoli di capitale, gli altri creditori subordinati, i creditori chirografari e, solo alla fine, le persone fisiche e le piccole e medie imprese titolari di depositi per l’importo eccedente i 100.000 euro.

Il consiglio è quindi quello di tenere il conto corrente al di sotto di 100mila euro in modo da non rischiare neanche un euro in caso di fallimento della banca.

Inflazione

Gli italiani detengono 1.329 miliardi di euro sotto forma di liquidità, per lo più in conti correnti dal rendimento medio dello 0,4 per cento, secondo gli ultimi dati di Bankitalia.

Considerando che l’inflazione è cresciuta nel 2017 dell’1,2 per cento, la perdita di valore del patrimonio degli italiani è stata dello 0,8 per cento, ossia 10,6 miliardi di euro.

Il problema dell’inflazione, sentito molto negli anni ’80, è stato di recente ridimensionato per via della recessione economica che ha comportato il fenomeno opposto, quello della deflazione.

Oggi però i tassi si stanno gradualmente rialzando; e se anche è vero che, finché resteremo nell’Unione Europea, l’inflazione non potrà mai superare il tetto del 2%, in termini reali questo indice potrebbe essere leggermente superiore.

Ciò significa che, lasciando i soldi sul conto corrente, poiché non ci sono rendimenti sulla liquidità, si subisce una perdita di potere d’acquisto: gli stessi mille euro depositati oggi in banca, tra un anno permetteranno di comprare meno beni e servizi perché il livello dei prezzi nel frattempo è aumentato.

È vero, ci sono gli interessi attivi, ma i tassi praticati dalla banca non garantiscono mai una remunerazione tale da neutralizzare l’inflazione.

Per risolvere il problema l’ideale è di scegliere forme di investimento ibride che garantiscano stabilità e controllo della volatilità.

Pignoramento del fisco

Con l’arrivo di Agenzia delle Entrate Riscossione, si è parlato molto del potere che ha l’esattore di pignorare il conto corrente del contribuente senza alcun ordine del tribunale.

La procedura, che può essere avviata non prima di 60 giorni dalla notifica della cartella, prevede l’invio di una lettera alla banca e al debitore (quest’ultimo la riceve quasi sempre in un momento successivo); in essa è contenuto l’avviso che, in difetto di pagamento entro i successivi 60 giorni, le somme presenti sul conto dovranno essere accreditate direttamente all’agente della riscossione, e così anche i successivi accrediti fino ad estinzione totale del debito.

In una situazione del genere il conto corrente diventa inutilizzabile. L’unica soluzione è chiedere una rateazione oppure aprire un differente rapporto con un’altra banca, ma ciò non garantisce l’estensione del pignoramento anche a quest’ultimo.

Possono tirare un mezzo sospiro di sollievo i lavoratori dipendenti e i pensionati. Per questi il pignoramento parte solo per importi – già depositati alla data di notifica del pignoramento – superiori a 1.345,56 euro (ossia tre volte l’assegno sociale).

Dunque, lasciando il conto sotto tale tetto non si rischia alcunché, fermo restando il pignoramento delle successive mensilità. Ma con questi ulteriori limiti:

  • per stipendi o pensioni fino a 2.500 euro, il pignoramento è di massimo un decimo dell’importo;
  • per stipendi o pensioni tra 2.5001 e 5.000 euro, il pignoramento è di un settimo;
  • per stipendi o pensioni superiori a 5.000 euro, il pignoramento è di un quinto.

C’è poi il divieto di pignorare l’ultima mensilità accreditata alla data di notifica del pignoramento (per non lasciare il contribuente, di punto in bianco, senza i soldi per fare la spesa).

Anche quando il creditore è un soggetto privato (ad esempio la banca), vale il divieto di pignoramento delle somme depositate al di sotto del triplo dell’assegno sociale.

I rischi della crisi economica: la tassa patrimoniale

Nel luglio del 1992 il governo Amato impose, in una notte, un prelievo straordinario dai conti correnti degli italiani pari al 6 per mille (la cosiddetta «tassa patrimoniale»).

In quella occasione tutti urlarono al furto di Stato. Lo spettro dell’imposizione fiscale, attuata con decretazione di urgenza, intimorisce tutt’oggi il popolo.

Anche l’esempio della Grecia, che ha imposto d’un tratto un limite ai prelievi dal conto, ha segnato i risparmiatori di tutta Europa e, in particolare, quelli italiani, così vicini alla situazione ellenica.

Imposte fiscali

Attualmente il conto corrente con una giacenza media annua inferiore a 5mila euro gode di un più favorevole trattamento fiscale: per essi infatti non si deve pagare l’imposta di bollo.

Invece su un conto con giacenza di 5mila euro in media si paga circa 34,2 euro, circa il 7 per mille. Più conveniente è impiegare i soldi in strumenti finanziari per i quali l’imposta di bollo è del 0,2%.

Ti è piaciuto questo articolo? In che modo gestisci la tua liquidità? Per avere maggiori informazioni o approfondire questi argomenti  puoi contattarmi utilizzando i metodi riportati qui in basso. Sarò felice di aiutarti.

Vuoi maggiori informazioni?

Hai voglia di scoprire di più? Parliamone su messenger!